Menu Chiudi

La Pasta alla Genovese anche se casalinga, fatta da Nonna palermitana alla nascita, ma ormai napoletana, è da Eugenio_Fiorentino_food_drink

Quando non ci sono possibilità per gustare bontà come la pasta alla Genovese in Ristorante, dobbiamo ricorrere ad opzioni casalinghe, che per condividiamo attraverso il contatto Instagram Eugenio_Fiorentino_food_drink, per apprezzare una realizzazione, per l’essenza verace, perchè mista di tradizioni, che convivono, senza prevalere. Sembra un piatto da cartina geografica, perché c’è per un fiorentino, un piatto di pasta genovese, alla napoletana, cioè un Ragù bianco, preparato con tantissime cipolle che durante la lunga cottura si trasformano in una deliziosa purea, molto saporita e con una spiccata nota dolce, ma realizzata da una siciliana (mia nonna), e questo aspetto non deve trarre in inganno, anzi, la cipolla, una delle star nel sugo è inflazionata nella cucina sicula, quindi c’è buona confidenza nella lavorazione.

Possono nascere incomprensioni perché parlando di genovesi siciliane si può pensare a dei dolci tipici siciliani

fonte immagine https://www.ricettedisicilia.net/dolci/genovesi-lussuriosi-dolci-della-pasticceria-siciliana/

anche se il gusto dolce non è mancato. Il gusto del cucinato con ingredienti di sapori contrastante,  non disturbano, facendo in modo che l’agro e il dolce risultino gradevolmente contemperati.

Tutto ben temperato, realizzato con la cipolla ramata di Montoro (Avellino), che ha una particolare fragranza pur essendo più dolce delle sue consorelle, affettata con un taglio molto sottile come si dee fare per ottenere un sugo perfetto. Ed infatti, attraverso la cottura a bassa intensità e prolungata le cipolle si sono sfaldate, ottenendo una purea cremosa, saporita e dolce al tempo stesso.

che anche l’aggiunta di ingredienti extra, come Pepe e Formaggio (Pecorino Romano, leggermente piccante) non hanno creato disturbi, legandosi alla crema. Un ultimo aspetto importante da far notare è l’utilizzo della carne per il sugo, scegliendo la “corazza”, la parte dei tagli del manzo di seconda scelta. Non a caso si tratta di una carne con un po’ di grasso in più che durante la cottura del sugo riesce ad insaporire questo, rendendolo più gustoso, garantendo l’esaltazione dei sapori.

Grazie Nonna!

Eugenio Fiorentino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.