Menu Chiudi

Le varie bontà della Rosticceria La Padella sono arrivate a noi, grazie ad uno Storytelling del food

Dopo aver raccontato tante bontà, tra Arancino, Pizza o specialità della Rosticceria La Padella è giusto capire che tutte queste ora sono possibili grazie allo Storytelling del food, di crescita dell’attività.

Scoprendo che era solo il lontano 1959, quando il nonno, il Primo Mario Cipolletta, da grande cultore della cucina tradizionale napoletana ed appassionato gastronomo, decise di rilevare la salumeria “Da Argenio“.

Realizzando, così, nel settore del commercio gastronomico, una grande esperienza costruendosi o creandosi un nome. Così decise di iniziare a vivere giornalmente nel vasto mondo di odori colori e sapori che contraddistinguono i prodotti partenopei, facendoli essere più veraci e legati al territorio. Questa particolarità fa in modo che cresca in lui ogni giorno di più il desiderio di proporre alla clientela piatti cucinati tipicamente regionali, e per davvero fu così, perché poi sarà con l’aiuto del primogenito Antonio e del secondo Francesco fece del gusto un culto…

Tutto per avvicinarsi alla “concezione dell’8 dicembre 1967, data in cui iniziarono a deliziare i palati più raffinati e non, dando vita alla “La Padella” Rosticceria.

Gli anni trascorrono, sempre deliziando Piazza arenella ma soprattutto quell’angolo di piazza magico. Infatti non c’è nessuno che riesce a contrastare le loro bontà, sfidandoli. Merito anche e forse soprattutto del trascorre dei tempi. Infatti, nel 2004, si è giunti alla terza generazione con entrambi i figli, Mario e Mario riscontrano successo portando avanti il concetto di unione di tradizioni, qualità ma soprattutto innovazione senza mai dimenticare la passione per l’eccellenza per la scelta delle materie prime da cui nascono i loro unici prodotti.

C’è chi crede che essendo una Rosticceria, allLa Padella” è possibile trovare sia una speciale ed unica frittatina crostatina di maccheroni o arancini di riso o pizza fritta con ricotta o pizza al forno, casatiello o pizza di scarole per la Rosticceria. Ma anche primi piatti caldi lasagna napoletana o secondi e contorni, ma soprattutto un unico pollo allo spiedo  cotto sapientemente e costantemente, com’è possibile vedere nel video qui riportato, con varie spezie tanto da renderlo unico con l’aggiunta di patate poi insaporite dall’olio e altri contenuti dallo spiedo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.