Menu Chiudi

Gli spaghetti alla Puttanesca del Ristorante Bellini rendono attuale la storia dell’attesa del gusto, con uno tra i piatti tipici

Gli spaghetti alla puttanesca” o semplicemente “aulive e cchiapparielle” (olive e capperi), sono un primo piatto, nonostante sia nato nella Capitale, ormai tipico della cucina napoletana. Sebbene la motivazione della nascita non molto pudica, non ferma varie attività a riproporre il piatto, magari migliorandolo e dandogli onore come il Bellini Ristorante Pizzeria di Via Costantinopoli 79/80.

Certo la nascita è varia sicuramente risale agli inizi del ‘900, e c’è una “diatriba”.

C’è chi dice che è di un oste romano, che ideò questo piatto, da poter gustare nell’attesa, appositamente per i visitatori di una casa di appuntamenti che si trovava nella periferia di Roma ma questo “vizio” è anche napoletano.

Infatti secondo Arthur Schwartz, il pluripremiato autore del libro “Naples at table

fonte immagine
https://www.amazon.it/Naples-Table-Cooking-Campania-English-ebook/dp/B00E3D10YK

questo piatto è nato all’inizio del XX secolo nei Quartieri Spagnoli. Pare che sia stato inventato proprio in onore delle donne che lavoravano in queste case.

Altra versione capitolina è quella che agli inizi del ‘900, in cui un altro oste ideò questo piatto appositamente per i visitatori di una casa di appuntamenti che si trovava nella periferia di Roma.

Insomma è un piatto di attesa di gusto, non solo sessuale, perciò la preparazione e cottura richiedono precisione ed accuratezza, nella preparazione, così lo si omaggia con la semplicità che lo ha sempre contraddistinto. Cioè la ricetta tipica:

Ingredienti per 4 persone :

  • gr. 350 Spaghetti
  • gr. 400 Pomodori da sugo
  • gr. 80 Olive nere denocciolate di Gaeta
  •  2 Cucchiai di chapperi sotto sale
  • 1 Spicchio d’aglio
  • 1 Peperoncino
  •  Prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Procedimento:

In una padella soffriggere l’aglio schiacciato con abbondante olio evo.

Aggiungere le olive denocciolate, i capperi dissalati e il peperoncino.

Dopo un minuto aggiungere i pomodori, precedentemente lavati e tagliati in pezzi grossolani.

Cuocere a fuoco medio per 10 minuti circa, poi aggiustate di sale e aggiungete il prezzemolo tritato.

Nel frattempo cuocere gli spaghetti in una pentola con abbondante acqua salata.

A metà cottura, con l’aiuto di un forchettone, versarli nella padella col sugo con un pò di acqua di cottura e terminare la cottura.

Servire gli spaghetti alla puttanesca aggiungendo del prezzemolo fresco tritato direttamente sui piatti ed un filo di olio a crudo…

Adesso, quando la proposta è tradizionale, come propongono i proprietari del Ristorante Bellini,  l’attesa del piacere non è mangiare il piatto di pasta per un qualcosa dopo, ma i procedimenti in cucina, che poi permetteranno di gustare una produzione tipica, storica, che ne ha viste tante, senza mai distogliere l’attenzione dalla bontà! 

Eugenio Fiorentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.