Menu Chiudi

L’ingegno da Pastry Chef è utile anche per colazione con un buon Pan Brioche

La colazione è il pasto più importante della giornata, perché deve dare le giuste forze per affrontarla ma anche il momento adatto per gustare sapori leggeri, perché appunto non bisogna appesantirsi. Quindi attivando l Ingegno da Pastry Chef per  una dolce energetico ma anche una merenda per e con i bimbi o un tea time con le amiche.

Cosi pensando che la solita torta fosse scontata o desse poca soddisfazione o la giusta energia, la scelta ricade su un pan brioche dolce.
Possiamo servirlo semplice o farcirlo con gocce di cioccolato o uvetta. A voi la scelta!
Nel frattempo è arrivato il momento di esporre le mie idee e svelare la mia ricetta.
Ingredienti:

100 ml di latte tiepido

25gr lievito di birra

1 uovo,125gr yogurt bianco dolce (1 vasetto)

100gr zucchero

1bustina di vanillina

1/2 scorza di limone grattuggiata

250gr farina 00

250gr farina 0/M, cioè Manitoba o meglio conosciuta come Americana.

Per guarnire usare a piacere o 100gr di gocce di cioccolato oppure 100gr di uvetta.

Da questi nasce l’ispirazione e l Ingegno da Pastry Chef, così ci cimentiamo nella preparazione: iniziare  sciogliendo il lievito di birra nel latte tiepido. In una ciotola mettere  l’uovo, lo yogurt e il latte col lievito ed amalgamare  il tutto.

A questo punto aggiungere lo zucchero,la vanillina e la scorza di limone grattugiata.
Lavorare aggiungendo poco per volta le farine ed un pizzico di sale(circa10gr) fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Aggiungere le gocce di cioccolato oppure l’uvetta . Lasciar crescere per circa 90 min l’impasto, coperto da un canovaccio, fino a che non sarà raddoppiato di volume.
Nel frattempo imburrare e infarinare una tortiera  a ciambella scegliendo la grandezza preferita

Prendere l’impasto e formare delle palline che verranno disposte una accanto all’altra.
Far crescere per circa 30 min.e infornare a 180° per 40 min. circa. A cottura ultimata far raffreddare, spolverare con zucchero a velo, servire e… gustare!

Stefania Ingegno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.