Menu Chiudi

Al Ristorante Pizzeria Lombardi 1892 tali si è solo di cognome. La scoperta in un DiretTour che la tradizione di Ristorazione è puramente napoletana

Della paradossale essenza del Ristorante Pizzeria Lombardi 1892, a via Foria 12/14, ormai fidandoci, di ciò di cui già vi abbiamo già parlato, con un DiretTour è stato possibile constatare come l’apparenza settentrionale sia solo un contorno alla tradizionale consistenza della Ristorazione puramente napoletana. Non a caso, scegliendo, per far essere tale tutto, una bella giornata soleggiata per essere nella sala esterna.

.

Altro baluardo rappresentante per antonomasia l’essenza napoletana è la Pizza Margherita, che ci farà da antipasto. Così apprezzandola a pieno, con una giusta analisi sensoriale della vista,

notiamo una buona distensione della stessa senza essere slabbrata anche se già sapevano che fosse da dividere in quattro. Informazione che poteva costringere a tirare un pò troppo la pasta.

Conoscendo bene il lavoro dei Lombardi non vogliamo strafare andando oltre con gli antipasti e così scegliamo tre primi tradizionali, che per le nuove mode, di eleganza o altro quasi vanno sparendo dai menù dei Ristoranti, almeno la domenica. Qualcuno come la Pasta a patate è ritenuto una minestra infrasettimanale. Ma cucinato ben tirato ad opera d’arte nella Tradizione ed offerto con il formato di pasta giusto per il caso, è una spettacolare offerta per la domenica.

Così arrivano i primi, gentilmente già divisi in unico piatto, per favorire il pranzo a tutti e soprattutto evitare che nell’attesa qualcosa si possa freddare troppo. Anche se confinanti i sughi sono talmente ben tirati che non si uniscono storpiando i sapori, anche gustandoli restano forti, predominanti e distinguibili.

Siamo stati guidati alla scelta, andando in ordine cronologico di Pasta e patate apprezzando la tradizionale scelta della pasta mista.

 

Pasta alla siciliana   dove il rigatone aiutava con il trattenere il sugo per gustarlo meglio.

 

 

 

Pasta alla genovese  realizzata con i Ziti spezzati, già venduti così. Cioè i maccheroni che celebravano la sposa( perché zita ha questo significato) e si usavano nei matrimoni, ed erano spezzati a mano. Anche se adesso sono venduti già spezzati, è bello che la Tradizione nella scelta continui. Anni fa era essenziale che i pezzettini di pasta restassero durante questa operazione finendo in pentola e contribuendo ad amalgamare ulteriormente il piatto. Non a caso, la golosità spesso invita a fare la raccolta dei pezzi restanti, come ultimo boccone. Scelta fatta! Che ha reso la degustazione una sensazione unica.

Eugenio Fiorentino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.