Menu Chiudi

All Hamburgheria Puzone macellai dal 1969 come Eugenio_fiorentino_food_drink per un panino da Fast food, ma con carne di prima scelta

Il sabato sera è il momento perfetto per una buona esperienza da Eugenio_fiorentino_food_drink, anche se a volte è preferibile limitarsi al food. Infatti può capitare di essere nella zona nord della città.

Optando per una cena veloce da fast food, ma che sia buona ma soprattutto genuina. Così, stanco del solito panino da Pub, ormai quasi “standard, mi dirigo alla Hamburgheria Puzone Macellai dal 1969, Via Emilio Scaglione 385/a, per gustare un buon panino realizzato con carne fresca, genuina, dato che l’attività di mattina è aperta come Macelleria. Quindi gioco forza la merce che utilizzano è sempre fresca, o se non freschissima, di primo taglio, almeno non è a marcire in deposito. Questa è ormai una moda tra varie di queste attività, che di per se propongono poi una scelta nel menù molto standard. In pochi si differenziano con innovazioni, gusti ricercati, a nostro parere a differenza loro, non a caso siamo rimasti colpiti da alcune proposte , proponendo certo qualcosa comunque di commerciale ma provando a differenziarlo con l’aggiunta di salse o creme, in pesto, particolari.

Per le opzioni tradizionali è meglio lasciarle a portate di apertura di pasto, come le tipiche patatine con provola e polpette , ben cotte e fritte, sempre dorate, latticino filante il giusto e ben amalgamato, di facile deglutizione.

Bisogna passare ai panini.

Dopo aver studiato il menù, la mia scelta ricade sul Tirolese( Hamburger di Scottona, Provola di Bufala, Funghi champignon, Pesto di noci, Speck tirolese)

dove forse la fluidità di certi ingredienti, potrebbe rendere il panino non facilmente mangiabile, perchè al primo morso inizierebbe a sfaldarsi.

Invece no! Anima e coraggio ed affondiamo il primo morso ed  il panino resta lì. Non si smuove, di facile masticazione, succulento e buono negli ingredienti che si dimostrano freschi ma soprattutto ben tutt’uno nel pane. Quasi non sembra che questo sia stato diviso e poi farcito, ma da l’impressione che gli ingredienti già fossero nati all’interno.

Eugenio Fiorentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.