Menu Chiudi

La Pizza di Clementina, in focaccia ammorbidita con aceto di vino per delle cozze allo zenzero profumate con lo stesso

M’incuriosisce sempre la scoperta di nuovi sapori e abbinamenti, da sperimentare non solo in cucina, anche nel e per La Pizza di Clementina, in modo che sia anche un accompagnamento per piatti.

Infatti ho voluto sperimentare una novità di impasto, rendendola accompagnamento ad un piatto molto semplice per una sorpresa di gusto: “Cozze allo zenzero e profumate con aceto di vino bianco della Ponti.”

Scelta non molto folle, perchè quest’ultimo è un prodotto che si ottiene attraverso la fermentazione appunto acetica dei vini, un metodo con origini antichissime, addirittura ricordiamo il popolo dei celti, perchè evaporando non congela come l’acqua.

Quindi è usato sia come condimento che come componente per far lievitare impasti, ed è così che con quest’elemento ho realizzato due ricette.

L’accompagnamento migliore per questo piatto dev’essere di simile gusto, quindi meglio optare per una focaccia realizzata con aceto di vino nell’impasto, che indebolisce le molecole di glutine, rendendo la pasta più suscettibile alla formazione di bolle.  Realizzata con biga al 98% idro. Una vera nuvola…

Per poi passare alle cozze allo zenzero profumate sempre con aceto di vino bianco.

Vi regaliamo la procedura:
Ingredienti per 4 porzioni:
2 kg di cozze
2 spicchi d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo
2 spicchi di aglio
1/4 di bicchiere di aceto bianco
olio di oliva
500 gr di zenzero

Preparazione:
pulire le cozze, iniziare una cottura a fiamma viva con olio, aglio, tenendo la padella coperta e scuotendola di tanto in tanto . Appena tutte le cozze si sono aperte e hanno rilasciato il liquido che contengono sfumate con l’aceto. Nel frattempo frullare lo zenzero cotto da parte, con sale e pepe nero. Versare le cozze in un piatto con una spolverata di prezzemolo. Sarà un vera scoperta per il palato prenderle adagiate sul loro guscio e raccogliere la salsa di zenzero che ne esalterà il sapore.
Un mio consiglio ; per decorare ho inserito anche mezza scorza d’arancia che ha regalato un leggero retrogusto.

Clementina Paone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.