Menu Chiudi

PizzAut si attiva ancora di più nel sociale con la Pizza ed adesso con la PizzaNoWar, per dare aiuto a chi soffre per la guerra, sperando nella pace

Grazie a dei miei vecchi lavori ho avuto l’onore ed il piacere di conoscere Nico Acampora di PizzAut, che oltre a voler dare un futuro ai propri ragazzi motiva loro ad essere più presenti nella società. Così è sempre attivo nel sociale, dati gli ultimi eventi ucraini e russi, nasce una loro attività in aiuto di chi si trova in difficoltà per la giusta vita sociale.

Infatti i ragazzi, ma soprattutto quelli di PizzAut desiderano con semplicità la pace e con altri simili ingredienti: “Amore, guanciale croccante, fiordilatte, patate al rosmarino, pomodorino fresco e una spruzzatina di pepe nero…e  per finire fuori forno, ancora Amore” per realizzare la Pizza NoWar. Quindi per capirci di più  riproponiamo una mail inviatami dal buon Nico:

non avrei mai creduto che potessimo trovarci in guerra, eppure ormai sono trascorsi 15 giorni, il conflitto ha seminato dolore e morte.

Ero spaventato da come i ragazzi potessero reagire a questa notizia, visto che non siamo ancora usciti dall’emergenza sanitaria, eppure, ancora una volta, mi hanno incredibilmente sorpreso ed emozionato.

 

“Gli uomini sono proprio stupidi” è questa la frase che mi ha detto Matteo, uno dei pizzaioli e Francescone, il barman, ha pensato che “se vengono i profughi con i bambini, li ospitiamo al ristorante. Da mangiare non ci manca”.

Come tutti anche loro hanno sentito l’angoscia, lo sgomento e la voglia di poter essere utili in una situazione drammatica. Abbiamo pensato cosa potessimo fare noi di PizzAut per aiutare chi sta vivendo la drammaticità della guerra
 

Insieme abbiamo pensato di fare la nostra parte: è nata la #PizzaNoWar, la nostra pizza dedicata alla pace!

Per ogni pizza No War ordinata destineremo 5€ a sostegno delle persone disabili in Ucraina, che sono le ultime durante i periodi di pace e dimenticate sotto le bombe.”

Ringrazio ancora Nico per la mail ma soprattutto perla Sua attività sociale, rendendo la Pizza una fonte di salvezza per questi ragazzi. Perciò sosteniamo l’ultima iniziativa visitando il giusto spazio! Magari seguendoci, tante altre novità per e riguardo il sociale saranno segnalate.

Eugenio Fiorentino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.